Home

Terremoto, la mobilitazione del volontariato toscano

Mercoledì 14 Settembre 2016

[14 settembre, ore 12.00]

Gran parte dei volontari toscani sono rientrati ma l'attività di sostegno e solidarietà alle popolazioni colpite dal sisma continua con tante iniziative diffuse sul territorio toscano, di cui diamo conto attraverso i nostri canali social. Invitiamo le associazioni a segnalare le iniziative sulla nostra pagina Facebook e al nostro account Twitter.

Nell'area del cratere segnaliamo, inoltre, che si stanno mobilitando i Centri Servizi per il Volontariato di Marche, Terni, Abruzzo e Lazio per monitorare l'attività delle associazioni di volontariato locali e i progetti che via via le associazioni promuovono nella aree del terremoto per sostenere la ricostruzione.

Infine Vol.To Csv Torino, in collaborazione con Anpas Piemonte, ha aperto nella tendopoli di Amatrice uno spazio di aggregazione sociale. Tutti coloro che volessero inviare materiale utile (libri, riviste, giochi da tavolo, ecc..) possono scrivere a: centroservizi@volontariato.torino.it o telefonare al numero 011/8138711.

Sul sito di Csvnet sono pubblicati ulteriori aggiornamenti sull'attività dei Csv nelle aree terremotate.

[5 settembre, ore 15.00]

Una squadra di volontari esperti nella salvaguardia dei beni culturali è in partenza da Firenze verso Amatrice. Sono una trentina di giovani, che dopo aver frequentato un corso ministeriale di 6 mesi, avranno il compito di affiancare tecnici ed esperti nell'attività di recupero delle opere d'arte danneggiate dal sisma. Sarà la prima sperimentazione in Italia.

A causa delle interruzioni della viabilità provocate dal terremoto, molti piccoli borghi e case sono rimaste a lungo isolate. Così squadre di motociclisti si sono offerte di raggiungere quelle zone a bordo di moto cross ed enduro riuscendo, zaini in spalla, a portare agli abitanti beni di prima necessità. Un'attività preziosa che adesso potrà contare su un vero e proprio corso di formazione per volontari motociclisti. Promosso dalla Federazione motociclistica italiana, in collaborazione con la Forestale, le Misericordie e la Protezione Civile, si tratta di un corso pilota, unico nel suo genere. Il corso si svolgerà a Rapolano Terme (Si).

Subito dopo quel 24 agosto, tra le materie alla ricerca dei dispersi c'erano anche i cani del nucleo cinofilo della Misericordia di Firenze. Cani speciali addestrati per almeno 24 mesi. A Firenze esiste anche la scuola di formazione per addestratori. Qui il racconto del loro intervento ad Amatrice.

[2 settembre, ore 10.30]

La Misericordia di Campi Bisenzio organizza per l'8 settembre una #AmatricianaSolidale, grande cena a base di amatriciana per raccogliere fondi a sostegno delle popolazioni colpite del terremoto. Per info e prenotazioni 055 8972129. Per conoscere, invece, tutti i ristoranti che in Italia aderiscono alla campagna #AmatricianaSolidale guarda la mappa creata da OpenStreetMap Italia.

Un gruppo di hacker civici, fin dalle prime ore dopo il terremoto, si è attivato sul web e sui social per raccogliere, verificare e diffondere info utili, iniziative di solidarietà, offerte di ospitalità e richieste di aiuto o necessità che arrivano dai campi di accoglienza. Scopo del progetto TerremotoCentroItalia, completamente non profit e gestito da volontari, è connettere grazie alla comunicazione digitale chi è nelle aree colpite dal terremoto (cittadini, volontari, istitizioni) con chi vive nel resto del Paese per trovare insieme risposte e soluzioni ai tanti problemi e bisogni che di giorno in giorno arrivano da quei territori. Qui il loro sito e qui gruppo Facebook dove postare e raccogliere informazioni, qui l'account Twitter. Il progetto è aperto alla collaborazione di tutti. Tutte le associazioni sono invitate a segnalare, attraverso i canali sopra citati, eventuali inziative e informazioni utili.

"ll rischio che va assolutamente evitato è che gli abitanti dei luoghi colpiti dal terremoto non riescano a ritrovare le condizioni per ricostruire un futuro di lavoro, di affetti, di relazioni, e per questo abbandonino la propria terra". Sul Sole 24 Ore l'intervista a Roberto Museo, direttore di Csvnet - Coordinamento nazionale dei Csv e terremotato dell'Aquila, sull'impegno dei Csv nella ricostruzione.

[1 settembre, ore 15.00]

La Consulta del volontariato di Arezzo ha raccolto 12mila euro per i terremotati di Acquasanta Terme, comune dell'ascolano colpito dal terremoto al quale il volontariato aretino aveva già inviato due furgoni di aiuti pochi giorni dopo il sisma, grazie anche alla collaborazione della Delegazione Cesvot di Arezzo.

"Un piatto per la solidarietà", questo il titolo della campagna che la Confcommercio Fipe Siena, in collaborazione con l'Unione cuochi senesi e l'Unione cuochi della Toscana, promuove tra i ristoratori senesi che vogliono sostenere le popolazioni colpite dal sisma. Ogni ristoratore potrà scegliere un piatto dal proprio menù e sottrarre dal costo 2 euro da donare ad un fondo costituito ad hoc. L'iniziativa non ha limiti di tempo. Per aderire scrivere a info@unioneregionalecuochitoscani.it oppure associazionecuochisenesi@gmail.com o consultare il sito di Confcommercio Siena.

[30 agosto, ore 12.00]

E dopo i richiedenti asilo di Marliana (Pt), anche i profughi ospiti a Pisa e San Giuliano Terme nelle sette strutture della Croce Rossa offrono il loro pocket money giornaliero ai terremotati.

Grazie all'associazione Croce d'oro di Massa e Carrara con la colonna mobile toscana anche cibo, materiale veterinario e volontari che si prendono cura degli animali sfollati.

Nel senese 50 albergatori di Chianciano Terme offrono ospitalità gratuita agli sfollati del terremoto e la diocesi di Montepulciano offre la casa-ferie. A Torrita, invece, il Comune mette a disposizione alcuni appartamenti sfitti, che potranno ospitare famiglie di 4 persone.

[30 agosto, ore 10.30]

Proseguono in tutta la Toscana le iniziative in solidarietà alle popolazione colpite dal sisma. Ad Arbia, in provincia di Siena, si è svolta una grande cena di benificienza per la campagna "Amatriciana Solidale", a cui hanno partecipato oltre 800 persone. La cena è stata promossa da tutte le associazioni di volontariato del territorio, in collaborazione con Comune e Cesvot. Complessivamente sono stati raccolti oltre 11mila euro. Ma la raccolta fondi continua grazie all'attivazione di un conto corrente aperto alle donazioni di cittadini, associazioni ed enti. Una volta chiusa, saranno le associazioni a decidere quale progetto di ricostruzione "adottare". Qui tutte le info.

Dal 2 al 4 settembre anche nel corso della manifestazione MoveSocial2016 che si svolgerà a Montelupo Fiorentino, e a cui partecipa anche Cesvot, saranno raccolti fondi per i terremotati, in particolare durante la cena di chiusura prevista per il 4 settembre nel Parco dell'Ambrogiana.

Il Cral della Regione Toscana, ovvero il circolo ricreativo dei lavoratori e dipendenti della Regione, ha lanciato una raccolta per i terremotati di Lazio, Marche e Umbria attraverso la trattenuta di un'ora dello stipendio di settembre di chiunque aderirà. I soldi raccolti saranno destinati in particolare ad aiutare le popolazioni dei comuni di Amatrice e Accumoli. Anche molti dei 10mila dipendenti dell'Azienda Sanitaria Toscana Sud Est potranno donare le loro ore di lavoro alle popolazioni colpite dal sisma. Per questi e altri aggiornamenti sulla mobilitazione toscana consulta il sito di Toscana Notizie.

A Prato l'Associazione di Amicizia dei Cinesi ha raccolto 18mila euro tra i soci che sono stati versati sul conto corrente aperto dalla Regione Toscana per sostenere le popolazioni colpite dal sisma. E stasera a Carmignano grande cena "Amatriciana Solidale".

[29 agosto, ore 11.30]

Da sabato sono pienamente operativi i tre campi di accoglienza allestiti dai volontari della protezione civile toscana a Musicchio e Cornillo Nuovo. Nei campi è stata allestita anche l'assistenza sanitaria e la cucina che offre oltre 300 pasti al giorno. Intanto è rientrata la prima colonna mobile di volontari e da Arezzo sono arrivati ad Acquasanta Terme (Ap) due furgoni di aiuti che la Consulta del volontariato di protezione civile, Comune e Cesvot hanno raccolto su richiesta del sindaco di Acquasanta.

Per saperne di più su iniziative di solidarietà, informazioni utili, offerte e richieste di ospitalità, donazioni e altro che possa essere di aiuto alle popolazioni colpite dal terremoto è possibile consultare il sito di hacker civici http://terremotocentroitalia.info

[26 agosto, ore 15.30]

La Regione Toscana ha attivato l'indirizzo di posta elettronica al quale sarà possibile segnalare le disponibilità di aiuti. Chi avesse - e l'invito è rivolto soprattutto a enti, imprese e attività produttive, associazioni, oltre che ai privati cittadini – la possibilità di accogliere persone in strutture quali alberghi, abitazioni o locali, oppure avesse la disponibilità di mezzi e strumentazioni utili a gestire l'emergenza può scrivere a emergenzaterremoto@regione.toscana.it

[26 agosto, ore 12.00]

Ad oggi nelle aree colpite dal terremoto sono presenti oltre 3mila volontari, oltre 300 sono quelli giunti con le due colonne mobili di protezione civile della Regione Toscana. Nella notte, nonostante le continue scosse, i volontari toscani hanno montato due campi di accoglienza a Cornillo Nuovo e Mosicchio. E' stato attivato il modulo bar delle Misericordie che ha distribuito a tempo di record caffè e tè caldi. Oggi saranno montati bagni chimici e cucine che entro stasera dovrebbero essere in grado di fornire pasti caldi a tutti. Qui ulteriori aggiornamenti della Regione Toscana.

Ieri il capo della protezione civile ha dichiarato che le attività di raccolta di beni e cibo sono sospese perchè non più necessarie. Tuttavia il Comune di Arezzo ha attivato una raccolta presso il Teatro Tenda per la popolazione ospite del campo 1 allestito nel comune di Acquasanta Terme, in provincia di Ascoli Piceno. Dopo, infatti, aver fatto le opportune verifiche con il sindaco di Acquasanta, si è ritenuto comunque necessario organizzare l'invio dei beni. La raccolta si svolgerà da oggi fino alle ore 22 e sabato mattina dalle 8 alle 10. Nel primo pomeriggio di sabato partirà un camion, il cui viaggio sarà sostenuto dal Comune, che raggiungerà il campo di Acquasanta Terme dove sono ospitate circa 70 famiglie. Il Comune di Arezzo ha istituito una cabina di regia in collaborazione con Croce Rossa, Croce Bianca, Misericordia, Cesvot, Caritas, Consulta del volontariato di protezione civile con lo scopo di dare risposte concrete e opportune alle popolazioni colpite dal sisma, anche e soprattutto nelle prossime settimane quando dalla fase dell'emergenza si passerà a quella della gestione del post-terremoto.

[25 agosto, ore 17.00]

I Csv dei territori interessati dal terremoto (CSV Marche, CSV del Lazio, Cesvol Perugia, Cesvol Terni, CSV dell’Aquila), d’intesa con le associazioni e la protezione civile dei rispettivi territori, stanno coordinando la gestione degli aiuti e predisponendo la raccolta di beni di prima necessità. Qui le informazioni.

In queste ore sta raggiungendo Rieti un furgone carico di beni di prima necessità raccolti dall'Associazione Giovani Cinesi di Firenze.

Oggi la mensa da campo allestita ad Amatrice dalle Misericordie della Toscana ha distribuito 500 pasti e 450 li distribuirà a cena. Complessivamente nelle aree terremotate sono al momento impegnati oltre 5.400 persone.

[25 agosto, ore 14.00]

Altre informazioni sui punti di raccolta in Toscana e in tutta Italia sono disponibili su Open Street Map a questo indirizzo. Alla mappatura possono contribuire tutti, cittadini e associazioni. Grazie a Csv Marche per l'inziativa.

La Società Volontaria di Soccorso ha aperto raccolte di beni di prima necessità a Livorno, Massa Pisa e Firenze. Ecco di cosa c’è bisogno e dove sono i punti di raccolta.

Ad Arezzo la Consulta del volontariato di protezione civile, a cui aderiscono 50 associazioni, ha aperto una sottoscrizione per le vittime del terremoto. L'iniziativa è promossa anche da Provincia di Arezzo, Unione dei Comuni e Comuni che aderiscono alla Consulta. Qui ulteriori informazioni.

[25 agosto, ore 10.25]

La colonna mobile di protezione civile della Regione Toscana è arrivata ieri sera a Rieti e oggi i volontari dovrebbero cominciare ad allestire il campo per gli abitanti di Amatrice e un posto medico avanzato. Ieri sera intorno alle 22.00 una seconda colonna mobile toscana è partita dalla Toscana alla volta di Rieti. Qui ulteriori aggiornamenti.

La Regione Toscana, in accordo con Centro regionale sangue e associazioni, ha rivolto un invito a tutti i donatori abituali a recarsi, anche nei prossimi giorni, presso i centri trasfusionali per donare il sangue. Non si tratta di un appello straordinario alla donazione.

Tante le iniziative di solidarietà di associazioni e cittadini toscani per portare aiuto alle vittime del terremoto e raccogliere fondi. A Firenze è stato aperto un punto di raccolta di beni di prima necessità presso l'impianto sportivo Padovani, in via P. Paoli 23.

Arci, Anpas, Misericordie, Caritas, Auser hanno attivato conti correnti per le donazioni e stanno organizzando raccolta di beni in varie città toscane e non solo. Invitiamo a contattare le singole associazioni per ulteriori informazioni.

[24 agosto, ore 11.00]

Stanotte un terribile terremoto ha colpito le zone di Rieti, Ascoli Piceno e Perugia. Purtroppo sono già accertate decine di morti e molti dispersi. Fin dalle prime ore di questa mattina dalla Toscana si sono mobilitati molti volontari e mezzi di soccorso: come comunica la Regione Toscana, è in partenza una colonna mobile di protezione civile con 100 volontari di Anpas, Misericordia, Vab e Croce Rossa, unità cinofile e mezzi di soccorso che allestirà  un campo in grado di ospitare fino a 500 persone. Al seguito della colonna mobile i nuclei dei vigili del fuoco U.S.A.R. (Urban Search And Rescue) e G.O.S. (Gruppo Operativo Speciale) Movimento Terra.

Ma già dall'alba alcuni gruppi di volontari e vigili del fuoco toscani sono partiti alla volta di Rieti. Alle 5 di stamani è partita la sezione operativa versione sisma dei vigili del fuoco di Pisa. È stata inoltre allertata la squadra specializzata nella ricerca e recupero di persone sotto macerie denominata USAR MEDIUM. L’unità è stata utilizzata anche per la ricerca di persone nei terremoti in Nepal e Haiti e nello tsunami in Thailandia.

La Confederazione nazionale delle Misericordie ha annunciato già nella notte l'apertura della propria sala operativa. All'alba è partito un nucleo di volontari della Misericordia di Siena per effettuare una ricognizione sul campo e organizzare l'arrivo dei soccorsi. Due unità cinofile della Misericordia di Firenze, coordinate dalla Confederazione nazionale, sono invece partite da Firenze.

Anche Anpas Toscana e Vab Toscana sono mobilitate con uomini e mezzi nella colonna regionale di protezione civile in partenza dalla Toscana e pronte a rinforzare con volontari e mezzi la colonna regionale in caso di bisogno.

Il Centro nazionale sangue ha dichiarato di aver attivato il Piano nazionale per il supporto trasfusionale in caso di emergenza coordinandosi con Regioni e associazioni. Intanto l'Avis di Rieti ha lanciato l'appello a donare sangue presso l'ospedale cittadino e la Regione Lazio ha disposto l'apertura straordinaria dei centri trasfusionali di Roma e Rieti per favorire la donazione del sangue. In Toscana l'assessora Stefania Saccardi ha fatto un appello ai donatori e invitato le associazioni a gestire l'afflusso in caso di bisogno. Il Centro regionale sangue ha verificato la disponibilità delle seguenti unità di sangue: 50 unità del gruppo 0 +, 15 di 0 -, 30 di B +, 15 di AB +. Qui l'elenco delle strutture trasfusionali in Toscana.

Sul sito di Toscana Notizie, il portale di informazione della Regione Toscana, la diretta sulla situazione dei soccorsi nelle zone colpite dal sisma, con particolare attenzione agli aiuti dalla Toscana. Comunque per seguire lo sviluppo dei soccorsi nella aree colpite dal terremoto si possono seguire gli account Facebook e Twitter di Anpas, Misericordie e Vab.

Per ulteriori informazioni sulle iniziative di solidarietà in corso consultare gli account social di Csv Marche, Reti Solidali (canale informativo di Spes Lazio e Cesv) e Regione Lazio.

Per notizie riguardanti dispersi e feriti e la situazione sul campo contattare il numero verde 800.840.840 del Dipartimento Nazionale della Protezione Civile.

×