Home

Spettacoli, a Firenze “Culture contro la paura” l’Orchestra Multietnica di Arezzo ospita i Modena City Ramblers

Giovedì 29 Giugno 2023

Culture contro la paura”

A Firenze, all’Anfiteatro delle Cascine, l’Orchestra Multietnica di Arezzo (Oma) ospita i  Modena City Ramblers. Primo appuntamento del festival itinerante “Riprendiamoci la scena” organizzato da Cesvot

Martedì 4 luglio 2023 - ore 21.30

Anfiteatro delle Cascine Ernesto De Pascale - Parco delle Cascine - Firenze

Spettacolo presentato nell’ambito del progetto ULTRAVOX FIRENZE 2023

Ingresso libero fino ad esaurimento posti senza prenotazione

A inaugurare “Riprendiamoci la scena” rassegna di teatro e musica in 11 tappe promossa da Cesvot per l’estate toscana 2023, è l'Orchestra Multietnica di Arezzo che a Firenze ospita i Modena City Ramblers, con il loro amore incondizionato per la musica della tradizione popolare: irlandese, scozzese, celtica, klezmer, balcanica e italiana. Nasce così un fervido racconto di culture in dialogo, tra tradizione e innovazione, per ribadire con forza un tema a cui l’Oma è legata ormai dal 2018: il valore delle culture, nel loro farsi incontro e confronto, contro la paura delle tante diversità che abitano gli esseri umani, contro l’uniformità e l’omologazione.
“Culture contro la paura” infatti non è solo un progetto artistico ma è l’invito a prendere posizione lottando culturalmente contro “la paura” che l’Oma rivolge in questo preciso momento storico a chi avverte un brivido lungo la schiena quando sente parlare di muri, di “noi o loro” e di “timore del diverso”. 

Costituita nel 2007 l’Oma ha tracciato in questi anni di concerti, spettacoli teatrali e laboratori in tutta Italia, un percorso di culture e di tradizioni, di pace, di nomadismo e di amore per le proprie e per le altrui radici (che dal Nordafrica sale per la Turchia, la Grecia, i Balcani, l’Est europeo, senza tralasciare l’Asia e l’America, per arrivare fino al nostro Paese, alle coste bagnate da quello stesso Mediterraneo che unisce e allontana i popoli). Oggi, un percorso di nuove migrazioni. Cultura e musica significano pluralità, confronto e mescolanza: questo è il principio ispiratore dell’Oma, che valorizza quanto culture e tradizioni hanno in comune, quindi sapori, ritmi e suoni.

“La rassegna 'Riprendiamoci la scena' non propone solo momenti di svago e divertimento ma offre occasioni di riflessione e di confronto su temi che interessano da vicino tutti noi, attraverso il linguaggio dell'arte” afferma Marco Esposito, presidente della delegazione Cesvot di Firenze. 

Inizio ore 21.30. Ingresso libero fino a esaurimento posti.

La serata apre il festival itinerante “Riprendiamoci la scena” che si terrà dal 4 luglio al 31 agosto: è promosso da Cesvot, il Centro Servizi Volontariato Toscana che associa 34 enti regionali, fornendo servizi di consulenza, formazione, promozione, comunicazione, documentazione e logistica.

×