Home

Intervista ad Alessandro Galeotti, presidente associazione Ethnos

Il ristorante Ethnos è stato inaugurato nel 2009 all'interno del Villaggio La Brocchi. Può spiegarci brevemente che tipo di struttura è il villaggio e quali attività si svolgono al suo interno?
Il Villaggio La Brocchi è sintesi di idee e risorse di vari soggetti, quali l'Istituto degli Innocenti che è anche proprietario, la Provincia di Firenze, la Comunità Montana Mugello, i Comuni di Borgo San Lorenzo e di Firenze, la Prefettura di Firenze, la Regione Toscana e l'associazione Progetto Accoglienza con la collaborazione della Fondazione Michelucci. Il nome, villaggio, dà già un'idea del progetto, ovvero il ‘villaggio' inteso come piccolo centro abitato e luogo di relazione. Il progetto, infatti, è nato nel 2004 con l'intento di realizzare una risposta positiva e innovativa al fenomeno dell'immigrazione offfrendo accoglienza a famiglie immigrate con minori, in particolare richiedenti asilo e rifugiati, attraverso un percorso di accompagnamento e integrazione. Grazie al centro di documentazione interculturale e alla biblioteca, il Villaggio offre anche occasioni di formazione, studio, conoscenza. E', infine, un luogo di passaggio e ristoro, con la Casa per Ferie “La Tinaia” (16 posti letto), le sale per la convegnistica e il ristorante Ethnos. Il Villaggio è gestito dall'associazione Progetto Accoglienza che opera nel Mugello dal 1992 soprattutto nell'ambito dell'immigrazione.

Come è nata l'idea del ristorante multietnico?
L'idea nasce proprio dallo sviluppo delle attività e delle finalità del Villaggio e dal concorso di tante persone che sono passate dal territorio e via via hanno arricchito il progetto con le loro conoscenze e competenze. Con Ethnos infatti l'accoglienza delle differenze, che è una delle caratteristiche fondamentali del Villaggio, passa anche attraverso la cultura del cibo, i saperi culinari e i “sapori del mondo”. Ecco che allora, come abbiamo cercato di raccontare nel video premiato nel concorso “Raccorti Sociali”, impariamo a conoscere il Kurdistan attraverso le mani di Zennure e il lahmacun, un piatto tipico della sua terra, il Marocco con il famoso cous cous di Hayat, mentre Sara ci propone l'injera, il piatto forte dell'Etiopia, e Gabriela, invece, ci racconta l'Argentina con l'empanadas. Donne che vengono da tanti paesi del mondo ma che oggi vivono nel Mugello.

Che tipo di servizio offrite?
Il nostro ristorante propone cucine di quasi tutti continenti. I nostri piatti spesso vengono offerti insieme ad iniziative culturali e ricreative, oltre che come servizio di supporto a convegni, stage, incontri. Accettiamo prenotazioni di enti e associazioni, ma anche di gruppi e persone singole ed è possibile scegliere particolari menù. Inoltre l'associazione Ethnos offre, su prenotazione, la possibilità di banqueting, ovvero prepariamo cibi in cucine attrezzate al di fuori del Villaggio.

Immagini di rivolgersi direttamente ai nostri lettori. Provi ad indicare tre buoni motivi per provare la cucina di Ethnos.
Grazie ad Ethnos si possono conoscere e apprezzare le differenze, gustare i sapori del mondo e imparare tante nuove ricette. E si possono passare alcune ore in un ambiente naturale bellissimo. Con la bella stagione, infatti, serviamo i nostri piatti in una splendida terrazza all'aperto con vista sul Mugello.

Ristorante Ethnos
Villaggio La Brocchi
Loc. Canicce 7/3 - Borgo San Lorenzo (Fi)
Tel. 055-8450268,
eventi@villaggiolabrocchi.it
www.villaggiolabrocchi.it

Guarda il video “Ethnos”, terzo classificato al concorso Raccorti Sociali 2010: http://raccortisociali.laikatv.it

Sezione: 
×